La parola "Reiju" in giappone possiede due significati: "dare la spiritualità" e "ricevere la spiritualità".
Ovviamente, in questo caso, con il termine "spiritualità" si intende la connessione con Reiki. Reiju è il metodo con cui l'abilità Reiki viene convogliata negli aspiranti operatori della Gakkai ed è praticato settimanalmente per tutta la durata della formazione.
Reiju è un "conferimento di potere spirituale"; non è semplicemente una mini-attivazione. Molto spesso, sento di allievi ed insegnanti che parlano di Reiju come se fosse una sorta di "ricarica batterie"... nulla di più sbagliato! Reiju potenzia e migliora la nostra connessione all'Energia Universale e ci permette di sviluppare al meglio i nostri talenti assopiti. Per quanto riguarda le sue origini, Reiju può essere messo in relazione alle attivazioni praticate all'interno del Buddhismo Giapponese Tendai, da cui potrebbe aver avuto origine anche la pratica di Hatsu Rei Ho.
Reiju permette la connessione dello studente a Reiki e rinforza continuamente tale collegamento, aumentando la forza del suo Reiki; inoltre esalta il suo sviluppo spirituale, guidandolo lungo il suo sentiero evolutivo. Ricevere regolarmente Reiju costituisce la chiave per potere sviluppare pienamente le due abilità fondamentali chiamate Reiji Ho e Byosen Ho, che sono delle facoltà sensitive che permettono all'operatore di individuare e diagnosticare le malattie (ricordo comunque e ci tengo a sottolinearlo, che se non siete medici, non potete assolutamente fare nessun tipo di diagnosi).


Nella Gakkai gli studenti possono aspettare anche dieci anni, prima di sviluppare l'abilità Reiji/Byosen e solo dopo avere sviluppato tale "sensibilità" possono esser ammessi alla preparazione del Secondo Livello.
Anche dopo aver avuto accesso al Secondo Livello, lo studente continua a ricevere Reiju in modo regolare, ma il suo ulteriore sviluppo nello status di Secondo Livello e oltre, sembra essere basato sia su alcune variazioni del metodo Reiju (diverse per i diversi livelli), sia su un metodo di attivazione addizionale. La cosa non è chiara poichè la Gakkai oggi è una scuola inaccessibile.


Personalmente dò Reiju ogni quindici giorni, per dare la possibilità agli allievi che lo desiderano di vivere questa esperienza.
Ormai è da un po' di tempo che faccio queste attivazioni e devo dire che i risultati sono sorprendenti: gli stessi allievi notano un esagerato potenziamento.

Chiunque volesse partecipare agli incontri Reiju mi contatti.

Joomla Templates by Joomla51.com